NUOVI PRESTITI        PRESTITI        PRESTITI AI DIPENDENTI        PRESTITO AD AUTONOMI        PRESTITI CON CESSIONE QUINTO        PRESTITI PER IL CREDITO AL CONSUMO        CONTATTI

11/11/2014 - Nuovi prodotti BancoPosta di Poste Italiane

La proposta di Prestito BancoPosta è dedicata ai titolari di Conto BancoPosta per realizzare i progetti più importanti in piena tranquillità. Si può richiedere fino a 30.000 euro e scegliere la durata di rimborso più comoda. Si applicano condizioni ... [continua]

19/03/2014 - Prestito per protestato con garante

Il prestito con garante è un tipico esempio di prestito personale e spesso è una delle poche soluzioni per chi è protestato. Oltre alla firma del richiedente, viene richiesto al garante di impegnarsi personalmente al rimborso del prestito se chi h ... [continua]

19/02/2014 - Prestiti agli artigiani 2014

Anche gli artigiani nel 2014 possono ottenere prestiti con il microcredito, grazie all´accordo tra Artigiancassa e Permicro anche artigiani e microimprese possono avere prestiti con questa speciale formula, in pratica anche gli artigiani che purtropp ... [continua]

03/01/2014 - Come ottenere un prestito auto

Quando si decide di acquistare un auto, sia nuova o usata, spesso non si è in possesso dell´intera cifra necessaria, in questo caso bisogna richiedere la somma in prestito. Ma vediamo come ottenere un prestito personale per l´acquisto di un automobil ... [continua]

LEGGI TUTTE LE NEWS »

 

Piccolo prestito

Piccolo prestito Per piccolo prestito s’intende quella richiesta di denaro con somme comprese tra i cinquecento e i cinquemila euro. Dal momento che il prestito per piccole cifre prevede somme di denaro esigue, la restituzione deve avvenire al massimo in 36 mesi. Per procedere alla richiesta, bisogna avere un reddito da lavoro dipendente o una pensione ma spesso il piccolo prestito è concesso anche ai lavoratori autonomi, agli studenti ed alle casalinghe.
Per un prestito fino a 3000 euro vengono spesso utilizzate le carte revolving, mentre per importi superiori, si ricorre ai prestiti personali, fiduciari o alla cessione del quinto.
Per saperne di più si visiti la pagina sul piccolo prestito Agos Ducato oppure sui piccoli prestiti personali.

Piccoli prestiti
Piccoli prestiti Contrariamente a quanto avviene per l’erogazione di prestiti importanti, le richieste per un prestito con entità minima, non prevedono la presentazione agli istituti finanziari delle documentazioni delle spese da sostenere, e non occorre dare alcuna giustificazione. Questa tipologia di prestito è utilizzata da tantissime persone e sono erogati da tutte le banche e le finanziarie.
Piccoli prestiti senza busta paga
Un prestito di importo ridotto è uno prodotto con dei rischi per le banche e le finanziarie che, di conseguenza, si tutelano applicando un interesse molto alto. Il metodo più utilizzato, se non si può contare su una busta paga, è la richiesta di un piccolo prestito tramite una carta revolving che, oltre all’importo inizialmente concesso, si ricarica una volta rimborsate le rate.
Piccoli prestiti veloci
Per alcuni tipi di prestito di piccola entità e di rapida concessione, l’importo massimo varia a seconda della durata, comunque gli importi erogati non vanno quasi mai oltre i 6000 euro. Il tasso d’interesse applicato aumenta proporzionalmente al tempo di restituzione del prestito di importo piccolo, sarà bene, quindi, scegliere una durata di pagamento più breve possibile.
Piccoli prestiti Inpdap
Piccoli prestiti Inpdap I dipendenti pubblici, statali o ministeriali, hanno la possibilità di richiedere un prestito di importo piccolo anche all’Inpdap. Questo tipo di finanziamento ha caratteristiche diverse da quelli presenti sul mercato, infatti, usufruisce di una formula assicurativa, che permette di ridurre il tasso d’interesse del prestito; si possono anche richiedere online.
Piccolo prestito poste italiane
Piccolo prestito poste italiane Per accedere ad un piccolo prestito tramite le Poste Italiane, è necessario avere un conto corrente Banco Posta. Si può aprire in tutte le filiali presenti in Italia e l’apertura può essere contestuale alla richiesta del piccolo prestito. Un vantaggio è la diffusione degli sportelli operativi in tutto il paese e la possibilità di poter effettuare operazioni anche da un’agenzia diversa.
Piccoli prestiti personali
Piccoli prestiti personali Il settore del prestito piccolo è chiamato anche “microcredito”. Le somme dei piccoli prestiti vengono versate direttamente sul conto corrente del richiedente. Alcune banche o finanziarie, sebbene questo tipo di prestito rientra nella categoria di quelli non finalizzati, richiedono comunque un preventivo delle spese che il cliente intende effettuare.
Piccoli prestiti senza garanzie
Di solito, per la concessione di un piccolo prestito, non vengono richieste particolari garanzie. Basterà percepire uno stipendio mensile proveniente da un lavoro dipendente o autonomo o da una pensione e dimostrare di non avere un impegno economico sproporzionato rispetto al reddito. Il prestito viene erogato tramite assegno circolare o con un bonifico bancario.
Piccoli prestiti a cattivi pagatori
L’attuale sistema finanziario penalizza i cattivi pagatori. Tuttavia, esistono istituti di credito che concedono prestiti di importo ridotto anche a chi sfortunatamente è entrato nel CRIF; anche se è necessario, prima di procedere alla richiesta, ottenere la cancellazione da tale lista. Il modo più semplice per ottenere un prestito, anche di piccola entità, rimane la cessione del quinto.
Piccoli prestiti online
Piccoli prestiti online In molti siti specializzati online, è possibile effettuare una proiezione dell’ammontare della rata da pagare inserendo la somma del prestito cosiddetto “piccolo” di cui si ha bisogno ed in quanto tempo si desidera restituirlo. Nel caso in cui si desidera estinguere anticipatamente il prestito, in genere non sono previste penali, anzi si risparmierà sugli interessi del capitale non ancora pagato.
® W.P.S. Web Marketing srl | P.I. 02439520814

info@wps-srl.it